venerdì 30 settembre 2016

Er Zogno de Roma di M. Bruni Universo Arte

Er zogno de Roma


Quanno er sole se mette
le pantofole e piano
s’oscureno li monti e le
contrade tutte,
Roma bellissima m’appare,
sdrajata su li sette colli,
sott’n velo d’argento,
ecco….. ora s’addorme.
E ner silenzio, sento er dorce
fruscio der Tevere che score
appoco appoco e ne la notte
scura, me tiene compagnia.
Roma s’addorme e ner zogno
m’appare ‘na principessa che
se riposa, placida e pacata ar
dorce mormorio de chitare,
pianoforti e mannolini che
soneno l’armonie der granne
maestro Petrolini.
A 'n tratto ‘na voce me scote
e dar terrazzo de casa mia scorgo
'n regazzetto che sta a fa la serenata
all’innamorata sua, spannendo ne
l’aria e pe a strada, vecchia e pittoresca,
parole bbelle co a rima Romanesca.
Appoco appoco, Roma all’amore se risveja.